E così parlò Roger Federer. Lalla e Luisa in Folie à Deux.

Creatività, Pemberley Pond

Di Luisa

(Nelle puntate precedenti)

Come donne, a quasi tutte capita che una volta al mese gli ormoni impazziscano e l’umore faccia un po’ quello che vuole. A me capita che per un giorno, uno solo al mese, i sentimenti e le sensazioni si amplifichino a dismisura: piccoli problemi diventano insormontabili, mi commuovo e piango per un non nulla e finisco a crogiolarmi nella malinconia e nell’autocommiserazione. Ok, tutto sotto controllo, ormai lo so e non mi crea problemi; aspetto che passi.
Succede, però, che se già ho diversi grilli per la testa e questo giorno va a coincidere con problemi o pensieri un po’ più “seri” del solito, il tutto assume un’aura da tragedia greca.

Manco a farlo apposta eravamo proprio, io e Lalla, di nuovo alle prese con il branding, la mission e tutte quelle cose lì. Sì perchè ogni tanto noi facciamo finta che non ci siano. Li ignoriamo. Ci diciamo, “Ehi, prima o poi l’idea del secolo ci verrà in mente e capiremo che fare” e continuiamo a lavorare facendo finta di nulla. Tentiamo di mettere da parte quella sottile ansia che ci prende quando ci siediamo al tavolo e vogliamo fare qualcosa, ma poi esattamente cosa, non sappiamo. Procediamo a tentoni con mille idee e mille dubbi. Andiamo avanti per un po’ e ignoriamo… ignoriamo… ma poi la misura si colma e così sbottiamo.72dbf3a6019b600ad182a60ec9ee5bef

Stavolta l’esasperazione di entrambe era palpabile e per me è proprio coincisa con il “giorno” di cui sopra tanto che il tutto ha assunto contorni drammatici.
Sentivo che era la resa dei conti. Stavolta saremmo andate fino in fondo. Non ci sarebbe stato ritorno.
Condizionandoci un po’ a vicenda con un umore che sapeva di catastrofico abbiamo messo in dubbio ogni cosa: ci piacciono i libri… ma è tutto troppo generico… o forse dovremmo fare qualcosa di diverso e lasciare stare la letteratura? E’ questo quello che vogliamo fare? Che ci manchi qualcosa è evidente, ma cosa? Sappiamo disegnare, scrivere… ma che serve tutto ciò?
Domande, domande… Lalla ha suggerito gravemente che forse avremmo dovuto riconsiderare seriamente cosa ci piaceva veramente e da lì, ripartire. Il che poteva anche voler dire buttare via tutto, nome, logo appena fatto con 1000 etichette appena stampateeee! E tutto quello che avevamo fatto in anni di lavoro… argh..!

Il branding…cos’è? Si tratta in poche parole di impostare una strategia per individuare o definire i tuoi punti di forza, quello che ti rende unico e differente rispetto ai tuoi concorrenti e comunicare in maniera efficace cosa sai fare, come lo sai fare, quali benefici porti e perché gli altri dovrebbero sceglierti.
E’ una brutta faccenda. O meglio è una brutta faccenda se lo devi fare di te stesso, perchè implica un’indagine profonda.
Per quanto ne ho capito, non è semplicemente pensare a ciò che ti piacerebbe fare (perchè a me piacerebbe fare tantissime cose, dalle magliette con i teschi alle illustrazioni naturalistiche) ma a ciò che ti rappresenta. Va al di là di una semplice idea che pensi potresti vendere.
Coinvolge le parti più profonde della nostra vita, idee e principi in cui si crede e su cui si basa la propria esistenza. Il proprio modo di vivere e di vedere il mondo. E’ solo da lì che si può tirare fuori qualcosa di autentico. E come tutte le cose c’è chi sa chi è e che cosa vuole e c’è chi ha bisogno di più tempo o forse non è ancora pronto per saperlo, o semplicemente non è in grado di esprimerlo chiaramente.

Alicia Savage

Illustrazione di Alicia Savage

Tutte e due abbiamo riflettuto su cosa ci piacesse con gran scervellamenti e fumi dalle orecchie… e a me la prima cosa che era venuta in mente è che mi piace mettere ordine. Eh sì. Provo una certa soddisfazione e vedere tutte le cose al loro posto. Anche quando faccio i poster è una cosa che entra in gioco! Nella mappa dei luoghi di Jane Austen, nei “personaggi e luoghi”… tutto è sistemato per bene. Io sono quella che raddrizza i quadri nelle case altrui senza farmi vedere (lo so è grave…).
Ma per me è una cosa che ha una sua importanza, quindi l’ho comunicato a Lalla; almeno era un punto su cui potevamo iniziare a discutere.
La sua reazione è stata quanto di più incoraggiante possibile: “Mmmm, a me di mettere ordine non me ne frega un fico secco” (e non ha usato certo queste parole :) Mi fissava sbalordita mentre strappavamo erbacce dal nostro orto ripetendo e ridendo istericamente “Ti piace mettere a posto… mettere a posto! Andiamo bene.”
E’ stato brutto, ve lo posso dire. Nei momenti di silenzio che sono seguiti sono sicura che entrambe abbiamo pensato seriamente che forse era arrivato il momento di dividere le nostre strade (parla per te, io ero seriamente divertita! XD NdLalla). Ognuna avrebbe aperto un negozio suo, forse…. Forse era quella la vera soluzione del problema. Mi sono fatta prendere leggermente dal panico, lo ammetto.
Poi Lalla ha rotto quel silenzio penoso. “Almeno abbiamo qualcosa su cui provare a lavorare. Se per te è importante mettere in ordine allora potremmo provare ad aiutare gli altri a organizzare la loro vita. Creiamo un agenda, un planner… una cosa così.” Ma l’idea non mi piaceva per nulla, così ho suggerito che avremmo dovuto pensarci ancora un po’. Perchè in verità, poco dopo la rivelazione che avevo fatto, l’idea che l’ordine fosse così importante per me aveva perso tutta la sua poca forza. Sì, è un aspetto di me, ma non certo il più importante.

Ok, ci dovevamo riflettere ancora un po’. Così, visto lo stallo, a Lalla è venuto in mente un esercizio che tante volte avevamo provato a fare, suggerito dalla mitica Tara Gentile (la guru del branding), ovvero pensare a ciò che non ti piace, che detesti seriamente. L’opposto è con tutta probabilità quello che ti piace.
Quindi cosa detesto con tutte le mie forze? Questo per lo meno lo sapevo, ovvero, quelle insulse frasi ispirazionali che spopolano tanto sui social ultimamente. “Sii ispirato per inspirare gli altri”, “fai ogni giorno qualcosa di cui hai paura” “sii la migliore versione di te stesso”, “rendi il tuo oggi incredibile” e via dicendo… Ma mi chiedo… nell’ “Esci e fai qualcosa che ricorderai” è incluso anche investire qualcuno? Le trovo di una banalità e di una vuotezza impressionante.
Chi mi dice che per vivere davvero devo uscire e vivere un’ avventura? Non siamo certo tutti così. Io non ho bisogno che qualcuno o qualcosa mi dica che fare, per poi finire ad assomigliare a tutti gli altri…? No di certo.
Pensavo a tutto questo, ma il cervello ormai era andato, mi sentivo una poltiglia umana, per la giornata avevo dato tutto. Avevo solo bisogno di un abbraccio e di qualcuno che mi dicesse che sarebbe andato tutto bene, che tutto si sarebbe sistemato. Mi sono fatta fare una coccola dalla mamma, ho fatto un bel tè per tutte e sono andata a dormire.

Si dice che la notte porta consiglio, si sa, ma mai come in questo caso.
In una notte piena di sogni chi mi è apparso? Beh il buon Roger (per chi non lo sapesse io sono una dedita e appassionata fan di Roger Federer, del quale non mi perdo mai una partita in tv. E’ niente di meno che il migliore giocatore di tennis di tutti i tempi).
In un sogno senza senso, stavo parlando con qualcuno, non so chi, che mi chiede “come mai a te piace Roger Federer?”. Lo guardo e il personaggio si traforma in Roger stesso (vestito e pronto per giocare XD). Io ho iniziato a rispondere: “mi piace perchè, almeno da quello che si riesce a percepire in tv è un ‘buono’, una persona gentile che ha sempre un sorriso per l’avversario che perda o che vinca. Adoro la bellezza e l’eleganza dei suoi movimenti quando gioca. E se penso che ha la mia stessa età mi sembra fuori da ogni logica”. E nel sogno ho pensato “ecco è così che dovrei rispondere ogni volta che mi chiedono perchè mi piace Roger. Semplice”. Ci siamo seduti per terra. Lui si è sdraiato. Sembrava ci conoscessimo e fossimo amici. Ho pensato che visto che c’ero potevo chiedergli anche qualche consiglio sul rovescio e dritto, ma lì mi sono svegliata (mannaggia XD).
Era già ora di alzarsi.
La drammaticità del giorno precedente sembrava essersi ridimensionata, anche se la mente aveva ripreso a ragionare esattamente da dove aveva interrotto la sera precedente. Era come se qualcosa nel mio cervello si fosse sbloccato. Sotto la doccia riflettevo e mi pareva tutto chiaro. Il brand, il cliente ideale, la motivazione, la direzione da prendere. Avevo avuto la rivelazione! Porca miseria… era fatta!

Scendendo ho dato il buongiorno a Lalla e ho annunciato “Roger mi ha parlato in sogno. Adesso so cosa dobbiamo fare!”.
Lalla ha avuto davvero paura. Ho messo su il tè. Ho scritto velocemente due appunti per non perdere i concetti e abbiamo mangiato la torta di mele. E’ stato straordinariamente semplice. Le risposte erano tutte lì, ovviamente. Le motivazioni, il brand, cosa ci piaceva… era tutto chiaro. Lalla annuiva e approvava. Ci siamo ritrovate su tutto. Ci siamo date il cinque e abbiamo tagliato un’altra fetta di torta.

Luisa

Advertisements

3 pensieri su “E così parlò Roger Federer. Lalla e Luisa in Folie à Deux.

  1. Troppo mitiche, sto ridendo a crepapelle! Da stanotte andrò sempre a letto sperando che mi appaia – boh, facciamo Battiato? Mi pare un tipo saggio! – a dirmi cosa devo fare. :DDD

    Vorrei comunque ricordare che not all who wander are lost! XD Vi adoro <3

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...